Fare Memoria con Don Giovanni Barbareschi

27 Gen

Ascoltatelo qui: Intervista realizzata da Vittorio Cagnoni e trascritta da Fabio Pavanati (https://drive.google.com/file/d/0Bya4ty8B5omAQkNraXNTUHE5UVU/view?usp=sharing) lo scorso 20 Ottobre 2016.
L’ultima Aquila Randagia vivente testimonia in modo chiaro e forte la fede cristiana ed i valori dello scautismo anche nei tempi più neri.
Un episodio significativo è il finto rapimento di Gabriele Balcone, bambino con madre ebrea, avvenuto nel dicembre 1943. La famiglia, mentre tenta di varcare il confine, viene catturata e il piccolo è lasciato dalle SS nella Casa San Giuseppe di Varese in attesa di essere deportato a Buchenwald. L’OSCAR si mobilita e fa trasferire il piccolo in ospedale col pretesto di un intervento chirurgico; qui dopo che ne è determinata con esattezza la posizione, Kelly e Baden, l’uno travestito da medico l’altro che lo attende in macchina, rapiscono Gabriele e, dopo averlo nascosto qualche tempo, lo restituiscono al padre col quale emigrerà in Australia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.